Presenta il suo libro "Non temete per noi, la nostra vita sarà meravigliosa"
Venerdì 22 maggio il direttore de “La Stampa” Mario Calabresi sarà all’Università di Siena, per presentare insieme all’associazione Medici con l’Afri […]
Recruiting week di Ingegneria, dal 25 al 28 maggio al San Niccolò
Non solo colloqui di lavoro e workshop aziendali ma anche occasioni di incontro informali tra gli studenti e i laureati dell’Università di Siena e i manager di aziende nazionali e interna […]
18-05-2015
L'economista Vladimiro Giacché presenta il suo libro in Ateneo
"Anschluss. L'annessione. L'unificazione della Germania e il futuro dell'Europa" è il libro di Vladimiro Giacché, che viene presentato oggi, lunedì 18 maggio, alle 15, nell'aula F […]
Oikonomia. L'arte di vivere. AA.VV. a cura di A.Michelini, Cangemi, 2014
"La democrazia allo specchio", di Paolo Soave, Rubbettino editore 2014


Chiarine, togati, stendardi: i simboli della tradizione
20-11-2004
La sfilata del corteo nel Rettorato
Come di consueto l'inaugurazione dell'anno accademico sarà per l'Università di Siena l'occasione per ripercorrere la propria storia e ricordare le proprie tradizioni, quale istituzione antica e radicata nella città.
Il corteo si svolgerà all'interno del palazzo del Rettorato e vi parteciperanno i togati, nello specifico il rettore Piero Tosi, i nove presidi delle facoltà universitarie, due docenti in rappresentanza di ogni facoltà, i rappresentanti del Comune, i gonfaloni delle maggiori istituzioni cittadine, i suonatori delle chiarine.

Nella sfilata verrà portato lo stendardo che risale al 1893 recante l'immagine di Santa Caterina d'Alessandria, Patrona dell'ateneo, su un campo spartito in bianco e nero, i colori della Balzana del Comune di Siena. Il vessillo è stato realizzato dalla ricamatrice senese Emilia Bernardoni ed è l'unico realizzato su bozzetto di Alessandro Franchi, principale pittore del Purismo senese.

Al corteo partecipano i presidi delle nove facoltà in toga, ciascuna contraddistinta dalle bordure con i colori tipici. E' tradizione che alla facoltà di Economia sia associato il giallo, verde chiaro a Farmacia, blu a Giurisprudenza, nero ad Ingegneria, rosso a Medicina e chirurgia, verde a Scienze matematiche, fisiche e naturali, viola a Scienze politiche, bianco o rosa a Lettere e filosofia.
Durante la cerimonia di inaugurazione dell'anno accademico, in segno di giubilo i goliardi, sventolando i loro caratteristici cappelli a punta, i boccacci, intonano il Gaudeamus Igitur, lo storico inno degli studenti universitari europei scritto nel 1781 da C. W. Kindeleben e composto per la musica di Franz List.

Nell'Aula Magna, di fronte al Rettore, mentre pronuncia la sua relazione, è esposta l'antica "mazza del Bidello", più conosciuta come "mazza universitaria". Dal 1440 ad oggi ha rappresentato e continua a simboleggiare l'autorità del rettore, è il simbolo del potere rappresentato dal sapere. Nella testa della mazza in argento è incisa l'icona di Santa Caterina d'Alessandria, adottata come patrona dello studio e dei sapienti. Secondo un uso comune europeo la mazza veniva portata dal "bidello", così chiamata allora l'autorità universitaria, in occasione del pagamento delle oblazioni e del conferimento delle lauree.

Le chiarine sono strumenti a canna libera di antica invenzione, derivanti dalle bùcine romane, il cui suono dipende dall'immissione di aria nello strumento. Nella iconografia senese già in certe biccherne del 400 ci sono i musici ufficiali del Comune che accompagnavano le processioni pubbliche con il suono di tali strumenti. La loro partecipazione al corteo accademico indica gli stretti e antichi rapporti della città con l'Ateneo.

Torna alla HomePage
Archivio notizie